Franz Kafka

Follow by Email

Wednesday, April 13, 2016

"Adolescente," by Vincenzo Cardarelli; "Adolescent," by Vincenzo Cardarelli, English version, translated in English, "Adolescente," by Vincenzo Cardarelli


 
Garden in Vaugirard (Painter's Family in the Garden in Rue Carcel), 1881, Ny Carlsberg Glyptotek, Copenhagen.

Adolescent


Upon you, virgin adolescent,
a sacred shadow seems to rest.
No thing is more mysterious
and adorable and proper
than your disrobed flesh.
Yet, you conceal yourself
under the mindful dress
and dwell far away
with your grace
where you know not who will reach you there.
Certainly not me. When I see you passing by
at such a regal distance,
with your locks unbound
and all your body shaft-like straight, 
a vertigo sweeps me away.
You are the impenetrably smooth creature 
in whose breathing is pressing 
the obscure joy of a flesh that barely
bears its own plenitude.
In the blood, which on your face
has hues of flame,
the cosmos has its laughter
as in the black eye of a swallow.
Your pupil is burnt
by the sun within it.
Your mouth is closed tight.
Your white hands know not
the shameful perspiration of contacts. 
And I think how your body
laborious and vague
despairs love
in the heart of man!

And yet someone will spoil the flower,
mouth that is a spring of fresh water.
Someone who will not even know it,
a fisherman of sponges,
shall have such a rare pearl.
It shall be a grace and a blessing
not to have sought you
and not to know who you are
and not to be able to relish you
with the subtle awareness
that offends the jealous God.
Oh yes, the animal will be
sufficiently unaware
so that he dies not before touching you.
And everything is so.
You too know not who you are.
And you shall let yourself be taken,
just to see how is the game played,
to laugh a bit together.
Like a flame loses itself in the light,
at the touch of reality
the mysteries that you promise 
melt away into nothingness.
Not consumed, shall pass by
so much delight!
You will give yourself away, lose yourself,
in the whims that can never guess
right, with the first one that you will fancy.
Time loves the playfulness
that seconds it, 
not the cautious wish that dallies. 
In such a way does childhood
make the world tumble
and the wise is nothing but a boy
sorrowful because he has grown up.

 From "Vincenzo Cardarelli: The Forgotten amongst the Great. A Collection of the Best Poems by Vincenzo Cardarelli, Translated in English," available as e-book on Amazon Kindle, iPhone, iPad, or iPod touchon NOOK Bookon Koboand as printed, traditional edition through Lulu.

Adolescente


Su te, vergine adolescente,
sta come un'ombra sacra.
Nulla è più misterioso
e adorabile e proprio
della tua carne spogliata.
Ma ti recludi nell'attenta veste
e abiti lontano
con la tua grazia
dove non sai chi ti raggiungerà.
Certo non io. Se ti veggo passare
a tanta regale distanza,
con la chioma sciolta
e tutta la persona astata,
la vertigine mi si porta via.
Sei l'imporosa e liscia creatura
cui preme nel suo respiro
l'oscuro gaudio della carne che appena
sopporta la sua pienezza.
Nel sangue, che ha diffusioni
di fiamma sulla tua faccia,
il cosmo fa le sue risa
come nell'occhio nero della rondine.
La tua pupilla è bruciata
dal sole che dentro vi sta.
La tua bocca è serrata.
Non sanno le mani tue bianche
il sudore umiliante dei contatti.
E penso come il tuo corpo
difficoltoso e vago
fa disperare l'amore
nel cuor dell'uomo!

Pure qualcuno ti disfiorerà,
bocca di sorgiva.
Qualcuno che non lo saprà,
un pescatore di spugne,
avrà questa perla rara.
Gli sarà grazia e fortuna
il non averti cercata
e non sapere chi sei
e non poterti godere
con la sottile coscienza
che offende il geloso Iddio.
Oh sì, l'animale sarà
abbastanza ignaro
per non morire prima di toccarti.
E tutto è così.
Tu anche non sai chi sei.
E prendere ti lascerai,
ma per vedere come il gioco è fatto,
per ridere un poco insieme.
Come fiamma si perde nella luce,
al tocco della realtà
i misteri che tu prometti
si disciolgono in nulla.
Inconsumata passerà
tanta gioia!
Tu ti darai, tu ti perderai,
per il capriccio che non indovina
mai, col primo che ti piacerà.
Ama il tempo lo scherzo
che lo seconda,
non il cauto volere che indugia.
Così la fanciullezza
fa ruzzolare il mondo
e il saggio non è che un fanciullo
che si duole di essere cresciuto.


Dalla raccolta “Prologhi,” 1916, Vincenzo Cardarelli.

No comments:

Post a Comment

Check out the author's bookstore to browse and purchase both printed and e-book editions!